Skip to main content

GAIA CLUB news

GAIAnews

notizie dall’Ecoistituto del Veneto

 novembre-dicembre 2014
 
 

UNA BELLA NOTIZIA
da quest'anno, puoi aiutare le iniziative e le battaglie dell'Ecoistituto del Veneto (le riviste Gaia e Tera e Aqua, la difesa degli alberi, delle biciclette, della nostra salute, le Fiere di Gaia, gli IncontriamoCittAperta, la laguna senza Grandi navi, la foresta del Cansiglio, le raccolte differenziate senza inceneritori ecc. ecc.) indicando il tuo 5 per mille nella casella Volontariato con numero
                 901 109 802 74
grazie dell'aiuto (ne abbiamo bisogno)
Michele Boato

******************

 

Un'altra difesa è possibile - Proposta di legge di iniziativa popolare

UNA FIRMA PER LA DIFESA CIVILE NON ARMATA E NONVIOLENTA

Di fronte alla drammatica crisi economica e sociale del Paese, che sostanzialmente non ha sfiorato lo strumento militare, vogliamo fare un passo in avanti, promuovendo congiuntamente la Campagna per la difesa civile e nonviolenta, lanciando la proposta di legge di iniziativa popolare per l'istituzione e il finanziamento del Dipartimento per la difesa civile, non armata e nonviolenta.

Un Dipartimento che comprenda i Corpi civili di pace e l'Istituto di ricerche sulla Pace e il Disarmo e che abbia forme di interazione e collaborazione con il Dipartimento della Protezione civile, il Dipartimento dei Vigili del Fuoco ed il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale. Si tratta di dare finalmente concretezza a ciò che prefiguravano i Costituenti con il ripudio della guerra, e che già oggi è previsto dalla legge e confermato dalla Corte Costituzionale, cioè la realizzazione di una difesa civile alternativa alla difesa militare, finanziata direttamente dai cittadini attraverso l'opzione fiscale in sede di dichiarazione dei redditi.

Obiettivo della Campagna è quello di dare uno strumento in mano ai cittadini per far organizzare dallo Stato la difesa civile, non armata e nonviolenta - ossia la difesa della Costituzione e dei diritti

civili e sociali che in essa sono affermati; la preparazione di mezzi e strumenti non armati di intervento nelle controversie internazionali; la difesa dell’integrità della vita, dei beni e dell’ambiente dai danni che derivano dalle calamità naturali, dal consumo di territorio e dalla cattiva gestione dei beni comuni - anziché finanziare cacciabombardieri, sommergibili, portaerei e missioni di guerra, che lasciano il Paese indifeso dalle vere minacce che lo colpiscono e lo rendono invece minaccioso agli occhi del mondo. Lo strumento politico della legge di iniziativa popolare vuole aprire un confronto pubblico per ridefinire i concetti di difesa, sicurezza, minaccia, dando centralità alla Costituzione che “ripudia la guerra” (art. 11), afferma la difesa dei diritti di cittadinanza ed affida ad ogni cittadino il “sacro dovere della difesa della patria” (art. 52).

È un principio che non è mai stato attuato davvero, perché per difesa si è sempre e solo intesa quella armata, affidata ai militari.

Dobbiamo riappropriarcene. Le grandi battaglie per il riconoscimento dell'obiezione di coscienza e del servizio civile iniziate dal dopoguerra hanno portato al riconoscimento nel nostro ordinamento giuridico che la difesa della patria è molto più articolata ed estesa di quella semplicemente militare. Noi oggi sappiamo che la difesa della patria è difesa della vita, dell'ambiente, del territorio, dei diritti, della dignità, della pace, del lavoro. Per difendere davvero questi beni comuni servono strumenti adeguati, quelli della nonviolenza.

Il finanziamento della nuova difesa civile dovrà avvenire grazie all'introduzione dell'”opzione fiscale”, cioè la possibilità per i cittadini, in sede di dichiarazione dei redditi, di destinare una quota pari al sei per mille dell'imposta sul reddito delle persone fisiche all'incremento della copertura delle spese di funzionamento del Dipartimento per la Difesa civile non armata e nonviolenta ed al finanziamento delle attività dei Corpi Civili di Pace e dell’Istituto di ricerca sulla Pace e il Disarmo

La Campagna (promossa da Conferenza Nazionale Enti di Servizio Civile, Forum Nazionale per il Servizio Civile, Rete della Pace, Rete Italiana per il Disarmo, Sbilanciamoci!, Tavolo Interventi Civili di Pace) è stata presentata il 25 aprile a Verona in “Arena di pace e disarmo”, lanciata in occasione della manifestazione nazionale “Facciamo insieme un passo di pace” il 21 settembre a Firenze, divulgata il 2 ottobre in tutta Italia, Giornata internazionale della nonviolenza.

Servono 50.000 firme per depositare alla Camera la Proposta di Legge di iniziativa popolare (il titolo è già stato registrato alla Corte di Cassazione e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale). La

Campagna è iniziata il 4 novembre 2014, anniversario prima guerra mondiale e Festa delle forze dis/armate, e si conclude il 2 giugno 2015, Festa della Repubblica che ripudia la guerra.

La raccolta delle firme avviene dal 28 novembre 2014 al 26 maggio 2015

Per sapere dove firmare o per avere moduli per la raccolta tel. 045.8009803 Movimento Nonviolento - Verona

*******************

 

SOSTENIAMO I CANDIDATI AMBIENTALISTI NEI CONSORZI DI BONIFICA

Le elezioni si tengono

domenica 14 dicembre

 

- Consorzio Acque risorgive (Ve-Pd-Tv) Fabrizio Zabeo per la fascia 1, lista Agrinsieme

 

- Cons. Bacchiglione-Brenta (Pd-Ve): Franco Zecchinato per la fascia 1, lista Agrinsieme e Maurizio Voltan per la fascia 3, lista Agrinsieme,

 

- Cons. Alta Pianura Veneta (Vi e qualche comune di Vr e Pd): Vittorio Rizzoli per la fascia 2, lista Acqua, Agricoltura e Territorio

 

- Cons. Bacchiglione (Pd città e prov., Chioggia e altri paesi di Ve) Luca Lazzaro per fascia 1, lista Agrinsieme

*******************

 

domenica 28 dicembre ore 17 a Mestre

FESTA DI BUONA FINE E BUON INIZIO 2014/2015

presso il Centro CittAperta , via Col Moschin 20 (traversa di via Sernaglia)

Cioccolata calda e dolcetti (portarne da casa!)

I migliori brani dello spettacolo EPPURE SOFFIA di Michele Boato, con Luisa Pasinetti (voce) e Mauro Stella (chitarra).

Ricca lotteria di sostegno a TERA E AQUA e GAIA

Si possono rinnovare gli abbonamenti

 

********************

è uscito il  numero 60 di Gaia ottobre 2014

ci trovate:

IDEE VERDI

PICCOLI COMITATI: ARRIVA UN’ONDATA AMBIENTALISTA - Michele Boato

FRITJOF CAPRA: SIAMO PARTE DI UNA RETE - Luigino Bruni

COSTITUZIONE INCOMPIUTA: IL PAESAGGIO APPARTIENE AL POPOLO - Corrado Stajano

IL DIRITTO A COSTRUIRE NON ESISTE - Luca Martinelli

 

FUTURO SOSTENIBILE

IL PIÙ GRANDE CRIMINE - Domenico Mascialino intervista Paolo Barnard

ISLANDA: UNA VIA ALTERNATIVA ALL’AUSTERITY - Salvatore Scaglione

IO LO SO FARE: LE GUIDE DI ALTRECONOMIA - Franco Rigosi

 

TECNOLOGIE APPROPRIATE

ENERGIA DAL CARBONE, A QUALE COSTO? - Marzia Marzoli

SUCCEDE DOMANI. CARBONE PULITO - Michele Boato

RENZI CALPESTA L’EFFICIENZA ENERGETICA - Enrico Cinotti

ITALIA: 49% DELL’ELETTRICITÁ DA RINNOVABILI - Michele Boato

MODENA: DUBBI SUL TERREMOTO DA ESTRAZIONE DI PETROLIO - Anna Meldolesi

 

CONSUMI LEGGERI

RISCHI PER LA SALUTE DA PESTICIDI - Patrizia Gentilini

SLOW WINE: RIBELLI DEL VINO NATURALE - Emanuele Coen

 

MENO RIFIUTI

RICICLO: UN SETTORE CHE VALE PIÙ DI VINO E TESSUTI - Emanuele Isonio

 

MOBILITÁ INTELLIGENTE

VEN-TO: LA GRANDE OPERA CICLABILE CHE CI PIACE - Bruno Morra

SATIRA PREVENTIVA: PRONTO PER L’EXPO IL GRATTACIELO A ROTELLE - Michele Serra

 

INQUINAMENTO ZERO

ILVA, UNA STORIA DISONESTA - Stefano Palmisano

TARANTO A LEZIONE DA DUISBURG - Rosanna Lampugnani

 

ECOSALUTE

GIARDINI CHE GUARISCONO - Claudia Boselli

NEOMAMMA, ABBRACCIA UN ALBERO: LO STRESS SPARISCE - Simona Ravizza

 

NATURA VIVA

RISCHIO VESUVIO, IN ZONA ROSSA 700MILA ABITANTI - Silvia Bencivelli

L’AQUILA 5 ANNI DOPO: PIÙ INDAGINI CHE LAVORI - Massimo Nardi

GENOVA: ANCORA ANGELI NEL FANGO - Adriano Sofri

 

AMICI ANIMALI

CACCIA: LA VERGOGNA DEI RICHIAMI VIVI - Danilo Mainardi

2013 DELLA CACCIA: UN ILLECITO OGNI 43 MINUTI - Elisa Cozzarini

L’ITALIA FERMI LA BARBARIE CONTRO GLI UCCELLI - Jonathan Franzen

 

DEMOCRAZIA E AMBIENTE

ARGENTINA: AUTOGESTIONE IN 200 IMPRESE - Barbara Bertoncin intervista Aldo Marchetti

TRANSITION TOWN: IL CAMBIAMENTO PARTE DALLE CITTÁ - Elisabetta Tramonto dell’Uruguay

 

EDUCAZIONE AMBIENTALE

MARIO LODI, IL “MAESTRO” PER ECCELLENZA - Patrizia Canova

MARIO LODI E IL CAPOLAVORO “CIPÍ” - Daniele Novara

ALBERTO MANZI: NON È MAI TROPPO TARDI - Eugenio Scardaccione

L’ESEMPIO: LA MOLLA EDUCATIVA PIÙ EFFICACE - Gianfranco Zavalloni

ALICE NEL PAESE DEI DIRITTI - Laura Tussi

 

NONVIOLENZA E SOLIDARIETÁ

ANCORA OMICIDI DI BRACCIANTI E AMBIENTALISTI - Marinella Correggia

MAGNIFICAT DI GERUSALEMME: SCUOLA DI MUSICA E CONVIVENZA - Michele Boato

IL MONDO PACIFISTA NEL WEB

USA: UNA SUORA PERICOLOSA - Luca Celada

CATTOLICI FRANCESI. DIGIUNO CLIMATICO CON GLI AMBIENTALISTI - Marina Perrotta

 

********************

 
è uscito   TERA E AQUA  numero 80 dicembre 2014 - gennaio 2015
 

ci trovate: 


UNA FOLLIA DI GRANDI OPERE - DIFENDIAMO LA NOSTRA TERRA DAL DECRETO "SCASSA ITALIA" - Ecoistituto del Veneto Alex Langer, AmicoAlbero-Venezia, Movimento dei Consumatori e moltre altre Associazioni

SE VENEZIA MUORE ALL'OMBRA DEI GRATTACIELI - ULTIMO LIBRO DI SALVATORE SETTIS - Simona Maggiorelli

UN PAESE DI ASFALTO E CEMENTO - Vittorio Emiliani

LAVORO VERDE - ALCUNI ESEMPI - Sergio Volpe, Matteo Zanchettin, Anna Ippolito, Roberto Maggetto, Tino Mometti, Baby bazar, Luca Fattambrini, Chiara Boato

VENETO: CHE FARE ALLE ELEZIONI REGIONALI? - Michele Boato

VENEZIACAMBIA2015 REGOLE PER CAMBIARE LA POLITICA

UNA FIRMA PER LA DIFESA CIVILE NON ARMATA E NONVIOLENTA

UN OBIETTORE CAMPIONE MONDIALE - Michele Boato

NE' ALLA TERRA NE' AL MARE NE' AL CIELO - Fabio Bussonati